logo culturemarketing
art&culture
novembre 24, 2015 - Comune di Milano

THROUGH THE BARRICADES: i primi 30 anni della Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo

Buon compleanno BJCEM! Alla #fabbricadelvapore di #milano, dal 3 dicembre 2015 al 10 gennaio 2016, la #mostra #throughthebarricades ripercorre i primi 30 anni della Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo.

L’esposizione presenta oltre venti opere dei maggiori talenti emersi dalla partecipazione a queste 16 edizioni della Biennale, nell’ambito delle arti visive, dal collettivo Irwin a #graziatoderi, da Miltos Manetas a #vanessabeecroft, da Tobias Putrih a Damir Ocko ad altri.
L’Associazione internazionale BJCEM celebra i primi trent’anni della Biennale dei giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo, con una #mostra in programma dal 3 dicembre 2015 al 10 gennaio 2016 alla #fabbricadelvapore di #milano.
L’esposizione, curata da Andrea Bruciati, organizzata da BJCEM in collaborazione e con il sostegno del Comune di #milano e con il supporto del Programma Creative Europe dell’Unione Europea presenta oltre venti opere dei maggiori talenti emersi dalla partecipazione alle prime 16 edizioni della Biennale, nell’ambito delle arti visive, dal collettivo Irwin a #graziatoderi, da Miltos Manetas a #vanessabeecroft, da Tobias Putrih a Damir Ocko ad altri.
Il titolo della rassegna, #throughthebarricades, riprende quello di un famoso brano degli Spandau Ballet, uno dei gruppi di culto degli anni ’80. E proprio in quel decennio ebbe inizio l’avventura di BJCEM, con Tendencias, una rassegna organizzata nel 1984 a Barcellona.
“Quel decennio - ricorda Andrea Bruciati - caratterizzato da incoscienza, slancio anarchico e ottimismo trovava nell’apertura delle frontiere attraverso la creatività uno dei suoi punti strutturali e originali di forza. Uno sguardo orizzontale rivolto a tutti i media concorrevano per la prima volta a formare una piattaforma trasversale, dove utopisticamente si affermava la volontà di ripartire dalla costruzione di una nuova società attraverso le sue dinamiche positive e pulsionali che animavano quelle generazioni per l’abbattimento di ogni qualsivoglia barriera”.
Con #throughthebarricades si vuole evidenziare lo spirito, improntato alla ricerca e alla sperimentazione, supportato dalla Biennale negli ultimi 30 anni, attraverso alcuni dei più luminosi talenti, emersi delle partecipazioni per le arti visive di queste 16 edizioni.
Si partirà da quella di Barcellona del 1985, con il collettivo sloveno IRWIN, per passare alle partecipazioni di #graziatoderi e Miltos Manetas a Salonicco nel 1986, a quelle di #vanessabeecroft, Eulalia Valldosera, Adel Abdessemed a Lisbona nel 1994, a Vasco Araújo, Tobias Putrih, a Roma nel 1990. Gli appuntamenti BJCEM del nuovo millennio si apriranno con le opere di Erzen Shkololli, presentate a Sarajevo nel 2001, con quelle di Mathieu K. Abonnenc, Ayreen Anastas, Giorgio Andreotta Calò, Haris Epaminonda, a Napoli nel 2005, di Damir Očko, in Puglia nel 2008. In tempi più recenti, le edizioni di Salonicco, nel 2011, e di Ancona, nel 2013, saranno ricordate coi lavori, rispettivamente, di Didem Erk e di Ayman Ramadan. Tutti gli artisti coinvolti sono stati invitati a partecipare al progetto espositivo come testimonial di questa avventura lunga tre decenni, in quanto riconosciuti attori protagonisti dei cambiamenti del panorama creativo del recente passato, ma che prefigurano criticamente anche quelli a venire.

L’Associazione Internazionale BJCEM - Biennale des jeunes créateurs de l’Europe et de la Méditerranée, è un network internazionale composto da 58 membri e partner provenienti da 17 Paesi dell'Europa e del Mediterraneo. BJCEM, con il suo lavoro, intende promuovere e valorizzare il dialogo interculturale, la ricerca artistica contemporanea nei diversi linguaggi espressivi, offrire sostegno alla creatività giovanile, alla mobilità e all'incontro tra i giovani artisti delle diverse Rive del Mediterraneo, facilitando al contempo la crescita sostenibile e pacifica dei popoli e delle culture euro mediterranee e potenziando la cultura quale motore di sviluppo dei territori. Tra le attività che la BJCEM mette in campo, la principale è certamente la Biennale dei giovani artisti dell'Europa e del Mediterraneo, evento che ogni due anni ospita in una città diversa centinaia di giovani talenti nelle varie discipline: cinema, musica, gastronomia, #arte, teatro, danza e letteratura, un grande momento di incontro e promozione per artisti emergenti di questa area geografica. 


THROUGH THE BARRICADES.
Trent’anni della Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo
Milano, Spazio espositivo Messina Due, #fabbricadelvapore (via Procaccini 4)
3 dicembre 2015 - 10 gennaio 2016
Orari: da lunedì a domenica dalle 14.00 alle 19.30
7-8-25-26 dicembre e 1-6 gennaio dalle 16.00 alle 19.30
Ingresso libero

Filtro avanzato