logo culturemarketing
art&culture
dicembre 13, 2016 - Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi

CONCERTO DI NATALE Lo Schiaccianoci Sabato 17 Dicembre - ore 16.00 Auditorium di Milano - largo Mahler

Orchestra Amatoriale laVerdi per tutti

Espressione Danza

Direttore Andrea Oddone


Non c’è #natale senza…Schiaccianoci! Crescendo in musica - la rassegna de laVerdi per i bambini, i ragazzi e le famiglie – conclude in bellezza l’edizione 2016con l’opera che forse più di ogni altra accende lo spirito natalizio dei più piccoli e non solo: Lo Schiaccianoci.

Appuntamento sabato 17 dicembre (ore 16.00), all’Auditorium di MilanoFondazione Cariplo: per l’occasione, tornano sul palco di largo Mahler i bravissimi giovani danzatori di Espressione Danza, mentre l’attore Nicola Olivieri accompagna il pubblico nella narrazione musicale. A eseguire la meravigliosa #musica di Čajkovskij è l’Orchestra laVerdi per tutti, diretta da Andrea Oddone, mentre la regia è affidata a Camilla Meregalli e i testi sono diFrancesco Montemurro.

Ecco la sintesi dello spettacolo. È la vigilia di #natale e il borgomastro di Norimberga si prepara a dare una grande festa attorno all'albero di #natale con la moglie e i due figli Clara e Fritz.

Tra gli invitati c’è il mago Drosselmeyer, che porta in dono a Clara uno Schiaccianoci di legno a forma di soldatino. Quando suona la mezzanotte tutti, gli ospiti lasciano la casa e Clara va a dormire. Ma nella camera della bambina accade una cosa straordinaria: sopraggiunge un esercito di topi, comandato dal Re Topo, che vuole distruggere l’albero di #natale ma che viene fermato dallo Schiaccianoci e dal suo esercito, composto da tutti i giocattoli di Clara.


Mentre i topi, sconfitti, scappano via, lo Schiaccianoci e Clara si trasformano in Principe e Principessa; la camera della bambina diventa una foresta invernale incantata e i due giovani, danzando tra i fiocchi di neve, giungono nel mondo dei confetti. E' in questo paese fatato (Konfiturenburg) che Clara fa la conoscenza della Fata Confetto e di altri personaggi della fantasia, che danzeranno per lei, tra i quali il Cioccolato (danza spagnola), il Caffè (danza araba) il Tè (danza cinese), infine lo straordinario Walzer dei fiori.


Intanto arriva il nuovo giorno, e Clara si sveglia stringendo fra le braccia il suo Schiaccianoci, ripensando con gioia al meraviglioso sogno incantato.


Čajkovskij compose la #musica per il balletto Lo Schiaccianoci nel 1892, traendo l’ispirazione dal racconto di Ernest Theodor Amadeus Hoffmann, intitolato Lo Schiaccianoci e il re dei topi.




(Biglietti euro 15,00/7,50; Info e prenotazioni: Auditorium di #milano Fondazione Cariplo, largo Mahler, orari apertura: mar/dom ore 14.30/ 19.00, tel. 02.83389401/2/3; on line: www.laverdi.org, www.vivaticket.it ).



Biografie


laVerdi per tutti. laVerdi conta tra le sue formazioni musicali anche un’orchestra amatoriale. E’ laVerdi per tutti, formata da circa 100 elementi: un'orchestra aperta a ogni appassionato che, pur avendo studiato uno strumento, non ha poi fatto della #musica una professione.


laVerdi per tutti costituisce l'unico esempio italiano di orchestra amatoriale stabile e regolarmente attiva; si esibisce sia all’Auditorium di #milano Fondazione Cariplo - la “casa” de laVerdi, sia all’esterno.




Andrea Oddone, direttore. Ha debuttato come direttore a soli quattordici anni alla guida di formazioni studentesche e amatoriali, si è poi dedicato al grande repertorio lirico e sinfonico dirigendo varie orchestre tra cui l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, l'Orchestra Sinfonica di Oradea (Romania), l'Orchestra Filarmonica Nazionale Rumena, la Donetsk National Philarmonic Orchestra "S. Prokofiev" (Ukraina), l'Orchestra Sinfonica "B. Bruni" della Città di Cuneo, l'Orchestra "Sinfolario" di Lecco, l'Orchestra Sinfonica di Asti e l’Ensemble “Nuove Musiche”di Savona.


Il suo repertorio spazia dal barocco al Novecento storico, ma non mancano le prime esecuzioni di compositori contemporanei. Si è esibito su tutto il territorio nazionale e in svariati Paesi europei tra i quali la Germania, il Regno Unito e il Portogallo. Ha al suo attivo numerose e prestigiose collaborazioni con solisti e cantanti in ambito classico (Luca Fanfoni, Silvia Chiesa, Giuseppe Miglioli, Marton Kiss, Carlo De Bortoli, Filippo Mineccia, Natalia Roman, David Righeschi) e jazz (Scott Hamilton, Fabrizio Bosso, Antonio Marangolo, Enrico Rava, Gianni Basso, Luca Begonia). Ha altresì scritto e diretto per esponenti del rock di fama mondiale come Geoff Whitehorn (Procol Harum), Martin Barre e Clive Bunker (Jethro Tull).


Attivo come compositore, trascrittore e arrangiatore, ha visto pubblicati alcuni suoi lavori dalle Edizioni Musicali Wicky di #milano, mentre altri sono stati eseguiti da compagini quali l'Orchestra Sinfonica Nazionale RAI, l'Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, l'Orchestra Classica di Alessandria e l'Orchestra della Fondazione CRT di Torino. È stato recentemente nominato direttore artistico della Civica Scuola di #musica “Antonio Rebora” di Ovada (AL). Dopo aver studiato pianoforte con G. Vercillo e G. Binasco, si è diplomato presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino in Composizione, Direzione d’Orchestra e Strumentazione per Banda; ha studiato anche Trombone diplomandosi presso il Conservatorio “Guido Cantelli” di Novara. Ha approfondito la propria preparazione direttoriale seguendo svariate masterclass in Italia e all’estero sotto la guida di docenti quali Gianluigi Gelmetti, Jan Cober, Massimiliano Caldi e Marco Zuccarini.




Camilla Meregalli, regia. Nel 1983 frequenta il Corso di Avviamento Coreutica all’Accademia Nazionale di Danza a Roma conseguendo il diploma, ora riconosciuto dal Ministero come diploma di laurea. Partecipa agli spettacoli del complesso Ambrosiano del Balletto diretto da Walter Venditti, come ballerina solista con proprie coreografie alla rappresentazione teatrale Maschere Nude di Pirandello. Con la compagnia teatrale TSE del Teatro delle Erbe di #milano, regia di Mario Barillà, organizza lo spettacolo di danza per l’associazione Goal-Cariplo per l’inaugurazione della nuova stagione teatrale del Teatro delle Erbe a #milano, proponendo una propria coreografia. Ripropone la coreografia allo spettacolo Danza al Castello alla Sala del Rivellino a Pavia.


Insegna presso la Palestra DY&G a #milano, realizza per la scuola elementare “Pietro Micca” di #milano con i ragazzi di V classe lo spettacolo sul tema Acqua nell’ambito della partecipazione al Progetto Europeo Comenius- Elan.


Fonda insieme ad alcune colleghe l’Associazione Espressione Danza-Danza Teatro & Scuola di cui è presidente, con lo scopo di diffondere la danza nella scuola attraverso la realizzazione di progetti educativi e spettacoli di danza.


Insegna danza classica e jazz presso la Scuola di danza Delle Erbe dell’Associazione Goal-Cariplo, di cui è Direttrice.


Organizza con il patrocinio dell’Associazione Goal-Cariplo la rassegna di danza DANZAINCONCERTO. Costituisce l’associazione culturale DAC - danza #arte cultura, occupandosi della direzione didattica, dell’insegnamento della danza accademica e jazz e delle iniziative culturali riferite alla danza.


Collabora come ricercatrice di documenti storici alla rivista Chorégraphie diretta da Flavia Pappacena, edita da Di Giacomo Editore.


Coordina il progetto “Leggere per... ballare” in collaborazione con l’Orchestra Verdi di #milano, FNASD e Ater Balletto per gli spettacoli Cenerentola, Il Flauto magico e Pierino e il lupo.


Ha collaborato per la parte coreografica a due concerti dell’Ensemble laBarocca presso l’Auditorium di #milano e ha assunto la regia delle coreografie di Ballo Excelsior (2015) e LoSchiaccianoci (2016).




Francesco Montemurro, autore. Terminati gli studi classici e di Conservatorio, inizia la collaborazione con il "Piccolo Teatro" prendendo parte, in qualità di attore, cantante e mimo a numerosi spettacoli diretti da Giorgio Strehler. Frequenta il corso di mimo della Scuola del Piccolo sotto la guida di Marise Flach, ed in seguito i corsi di danza contemporanea di Chrystine Perrot. Intraprende quindi l'attività di regista curando diversi recital di poesia dell'attrice Anna Saia e come assistente di Lamberto Puggelli nel Malato immaginario di Molière per la "Compagnia degli Incamminati". A seguito dell'esperienza maturata - anche come autore - di numerosi "Concerti teatrali" del ciclo Crescendo in #musica per l'Orchestra Sinfonica di #milano Giuseppe Verdi, tra cui La vera storia di Halloween, Pulcinella in Libertà, Pierino e il lupo, Guida all’orchestra, Il fantasma dell’opera, Don Chisciotte e Sancio Panza, Il carnevale degli animali, Pierino porcospino, La tarantella di Pulcinella, assieme all'attore #nicolaolivieri e allo scenografo Marco Calabrese fonda la compagnia "Il Sale in Zucca". Per l'autore e musicologo Danilo Faravelli mette in scena a #milano Zauber quel Flote…, Il dissoluto redento e La Serva Padrona di Pergolesi. Inoltre vince della dodicesima rassegna “EWIVA” indetta dal Comune di #milano con il suo Le quattro stagioni del Capitan Fracassa. Per la Giornata della memoria, insieme al Fisarmonicista Davide Vendramin, porta nelle scuole il suo Primo, ispirato ai sogni del più noto sopravvissuto ai campi di sterminio. Nelle passate stagioni del ciclo Yale a #milano scrive i testi per l’attrice Marta Comerio come voce recitante delle operette La Pèricole, Fruling e Mosca Ceriomuski. Ha collaborato con l'associazione FNASD e con l'Associazione Espressione Danza #milano per la scrittura dei testi e la regia di spettacoli quali Lo schiaccianoci, La bella addormentata, Cenerentola, Animali sulle punte, Il piccolo principe, Pinocchio e il Sognodi una notte di mezza estate. Partecipa regolarmente alla rassegna Torinese Micron, dedicata alle opere da camera per ragazzi e alla rassegna TamTamusica del Teatro Edi di #milano. Per il Crescendo in #musica 2010/11 cura la regia de Il Monelloe le apparizioni di Maurice Ravel, Amahl e i Visitatori notturni di Giancarlo Menotti, Chi rapì la topina Costanza? di Roberta Vacca e Lo scoiattolo in Gamba di Nino Rota a cui aggiunge un prologo sulle musiche degli Uccelli di Ottorino Respighi. Per la stagione “Notturni in Villa” del luglio 2011 scrive e dirige L'Italia è un mobile: 150 anni nell'armadio, una riduzione del Rigoletto di Giuseppe Verdi, collegata al tema del 150° anniversario dell'Unità d'Italia. La rivista "Spazio, essere bambini è bellissimo" pubblica i suoi racconti: Un violino per Arùn e L'arca di Mira. Nell'aprile 2013 mette in scena la prima assoluta dell'operina Chicino e Cicotta della compositrice Silvia Colasanti su testo di Roberto Piumini. Di recente apparizione il suo C'era una volta l'opera ed il FisaElisir d'amore, entrambi dedicati al repertorio Lirico. Oltre alla regia de L'orto dei sogni di Carlo Chiddemi, nella stagione 2013/14 scrive e mette in scena La famiglia degli archi da un'idea di Kirill Vishniakov con l'attore Tommaso Banfi e Classic top ten su arrangiamenti di Gabriele Bazzi Berneri.




Nicola Olivieri, attore. Vocalista e attore, dopo il “battesimo” al Piccolo Teatro di #milano in Faust - frammenti di Giorgio Strehler, dal 1990 conduce laboratori di Animazione teatrale per Bambini, collabora con il CRT #milano per il progetto “Teatro di Frontiera” e con l' As.Li.Co. al progetto per le scuole “Opera Domani” sotto la direzione di Serena Sinigallia, e dal 2009 con la scuola Steiner di Origlio (Lugano) in qualità di curatore del corso di teatro.


Con la compagnia veneziana “VeneziaInscena” diretta da A. Iurissevich, dal 2004 veste i panni del protagonista nel canovaccio D'Amore rapito, suo debutto al Carnevale di Venezia con repliche nella rassegna estiva “Venezia in Campo” ed ai festival internazionali di Madrid e Lisbona. Nel 2006 interpreta Pulcinella ne La forza delle stelle di A. Stradella per la XXVII edizione del festival “Segni Barocchi” di Foligno. Notevole la sua interpretazione dei tre diversi personaggi protagonisti in Zauber quel Flote… del musicologo Danilo Faravelli, e del servo Vespone ne La serva padrona di Pergolesi. In occasione della Giornata della Memoria interpreta regolarmente, affiancato dal fisarmonicista Davide Vendramin, il ruolo del protagonista in Primo, monologo interattivo di #francescomontemurro indirizzato alle Scuole Medie. In scena come Notaio nel Don Pasquale di Donizetti per As.Li.Co. Opera Pocket stagione 2007/08. Dal 2001 è interprete di numerosi spettacoli per il cartellone “Crescendo in Musica” con l'Orchestra Sinfonica di #milano Giuseppe Verdi sotto la guida di Damiano Michieletto, Arturo Cannistrà e #francescomontemurro. Con quest'ultimo costituisce la compagnia IlSaleinZucca portando in scena in qualità di attore e cantante spettacoli che abbinano la teatralità alla #musica classica eseguita dal vivo. Numerosi i titoli di cui è stato protagonista: Cantano i Bimbi, Vespina e il pianoforte, Nick lo strumento logo, E adesso ... Musical! (AA.VV), Marionette in Libertà (Stravinskij su testi di Rodari), Pierino e il lupo (Prokofiev), Guida all'orchestra (B.Britten), Tubby the tuba (George Kleinsinger) , Le quattro stagioni del CapitanFracassa (A. Vivaldi- spettacolo vincitore della XXII edizione della rassegna “EWIVA” indetta dal Comune di Milano), Don Chisciotte e Sancio Panza (M. De Falla) Il carnevale degli animali (C.Saint -Saens), Il Fantasma dell'Opera (Andrew Lloyd Webber), Lo Schiaccianoci e Cenerentola (Čajkovskij), Les Choristes (Bruno Coulais), Chi rapì la topina Costanza (R.Vacca), Lo scoiattolo in gamba (N.Rota), Pierino porcospino, La tarantella di pulcinella (G. Negri) ed il recente C'era una volta l'Opera, inserito nel cartellone Verdi e Wagner a #milano 2012. Nel 2013 è protagonista della prima assoluta di Chicino e Cicotta, operina di Silvia Colasanti su testo di Roberto Piumini e del FisaElisir d'Amore (una riduzione del capolavoro di G. Donizetti).


Come componente stabile del trio "Le sorelle Marinetti" (nel ruolo di Turbina), riscuote da anni notevole successo anche in ambito televisivo e discografico.




Associazione Espressione Danza L'Associazione Culturale Espressione Danza -Danza Teatro & Scuola, con sede a #milano, nasce nel 2001 per iniziativa di alcune insegnanti di danza, provenienti da formazioni diverse.Espressione danza, teatro e scuola, attualmente riunisce attorno a sé le insegnanti e gli allievi di alcune scuole del territorio lombardo fra cui: Chiara Allasia di Dance &Fit (Milano), Emanuela Grungo di Arcobaleno Danza (Milano), Camilla Meregalli di DAC - Danza #arte e Cultura (Milano), Barbara Palumbo di Arteka (Milano), Chicca Rota di Danzarea (Bergamo), Gloriana Mosca di Danzarte (Solaro), Giulia Zucconi di Ominodanzante (Milano), Cristina Sarasso di Accademia danza città di Vercelli, Daniela Orioli per DdiDanza (Arluno, Milano).


Espressione Danza propone la realizzazione di progetti educativi tramite un'attiva collaborazione tra la scuola di base e le scuole di danza associate. Finalità precipua è la diffusione della danza tra gli studenti, attraverso la realizzazione di spettacoli a cui partecipano gli allievi delle scuole di danza affiliate,per favorire:


‣ l'avvicinamento dei ragazzi a un linguaggio espressivo non verbale, in cui il corpo e il movimento sono strumento e modalità di comunicazione primaria.


‣ l’opportunità di accostarsi alla danza, per un numero sempre maggiore di studenti.


‣ attraverso l’esperienza, la pratica e la scoperta di una disciplina che porta con sé un messaggio sempre ricco, scritto con il corpo, con il gesto, con l'armonia di movimenti che parlano direttamente all'anima,


‣ rendere il teatro un luogo di comunicazione e scambio volto a rispondere, attraverso il contributo delle scuole partecipanti, alla domanda che muove l'agire di ogni danzatore.


Espressione Danza – Danza Teatro e Scuola ha da tempo attivato una collaborazione con l'Orchestra Sinfonica di #milano Giuseppe Verdi. Ciò ha permesso agli allievi delle scuole affiliate di esibirsi sul palcoscenico dell'Auditorium di #milano Fondazione Cariplo, nell'ambito dell'iniziativa Crescendo in #musica, interpretando grandi classici, tra cui: Cenerentola (2005), Il Flauto Magico (2006), Lo Schiaccianoci (2007), Il Piccolo Principe, Pierino e il Lupo, Animali sulle punte e La Bella Addormentata.






Il Progetto Educational, di cui la rassegna Crescendo in #musica fa parte, è patrocinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e sostenuto da Regione Lombardia – Settore Cultura, Intesa San Paolo, con il sostegno di Fondazione Cariplo, di CIDIM, Comitato Nazionale Italiano Musica, e di Donna Kendall Foundation (Corona del Mar, California).


Giunto alla quattordicesima edizione, il Progetto Educational intende incentivare l’arte dell’ascolto: #arte che è alla base non solo della comprensione del linguaggio musicale ma di qualsiasi processo educativo.




News correlate

ottobre 12, 2017
download all Scarica tutto
settembre 22, 2017
download all Scarica tutto
settembre 08, 2017
download all Scarica tutto

Ti potrebbe interessare anche

luglio 17, 2017
download all Scarica tutto
luglio 14, 2017
download all Scarica tutto
giugno 22, 2017
download all Scarica tutto

Filtro avanzato