logo culturemarketing
art&culture
febbraio 16, 2017

Coriano 25 feb: "Portami in un posto carino", l'amore al tempo dell'omofobia al Teatro CorTe

L’AMORE AL TEMPO DELL’OMOFOBIA

PORTAMI IN UN POSTO CARINO” A COR.TE


Sabato 25 febbraio (ore 21,15) al #teatro CorTe di #coriano di scena la giovane prosa contemporanea di “Portami in un posto carino”. La drammaturgia di Tobia Rossi finalista al Premio Hystrio diventa materia viva per la Compagnia Chronos3, dinamica realtà nata all’interno della Civica Scuola Paolo Grassi di Milano. ll regista Manuel Renga dirige l’attore santarcangiolese Tomas Leardini, Elisabetta Torlasco, Chiara Anicito e Daniele Pitari nella precaria storia d’amore tra due adolescenti gay in una cittadina della provincia italiana scossa da un omicidio di chiara matrice omofoba. Favola notturna e pop, asciutta e tagliente, storia di crescita e scoperta di sé tra cinema e letteratura, ispirata da Ken Loach, David Lynch e Gus Van Sant. Atmosfere thriller, melò, da commedia sentimentale e anche soap opera mescolano il rosa e il nero, la libertà di essere se stessi e la paura di conoscersi e rivelarsi. Costringendo i quattro protagonisti a crescere, “diventare grandi” abbandonando paure, zavorre emotive e pregiudizi.


Sabato 25 febbraio, alle ore 21,15, il Teatro CorTe di Coriano presenta la giovane drammaturgia contemporanea di “Portami in un posto carino”, testo di Tobia Rossi finalista al Premio Hystrio, portato in scena e prodotto dalla Compagnia Teatrale Chronos3. Con l’attore santarcangiolese Tomas Leardini insieme a Elisabetta Torlasco, Chiara Anicito e Daniele Pitari diretti dal regista Manuel Renga.


Sul palco le nuove leve del #teatro italiano. Con “Portami in un posto carinoTobia Rossi è giunto alla fase finale dell’edizione 2012 del Premio Hystrio – Scritture per la scena under 35. Talento autoriale confermato l’anno successivo dalla vittoria del Bando Urgenze con “Las Vegas”. Ora “Portami in un posto carino” diventa materia viva per il regista e gli attori della compagnia Chronos3, nata all’interno della Civica Scuola Paolo Grassi di Milano.


Christian e Carlo sono due adolescenti gay che abitano in un’anonima cittadina del Nord Italia vivendo la sessualità in modo molto diverso. Carlo è esuberante e sognatore, ha una visione fatata della vita e nutre grandi speranze per il futuro, incontra quasi ogni giorno uomini che conosce su internet, alla ricerca del suo principe azzurro. Christian è introverso, impenetrabile, ancora indeciso, da poco ha iniziato a incontrare qualche ragazzo solo per curiosità. È fidanzato con Giada, rampolla della famiglia ricca del paese. Christian e Carlo s’incontrano grazie a una chat. Carlo s’innamora di Christian, impegna tutte le sue energie per conquistarlo, chiedendo - ironia della sorte - consigli proprio a Giada, cliente fissa di Anna, la parrucchiera presso cui Carlo ha appena iniziato a lavorare. Le cose si complicano quando nel bosco vicino al paese, luogo dei fugaci incontri tra Christian e Carlo, un altro ragazzo omosessuale, Alex, viene ucciso brutalmente al termine di una nottata di scherzi sadici. E la calma apparente della cittadina va in frantumi…


Una favola notturna e pop che attinge a piene mani da cinema, televisione, letteratura e arti visive. Storia di crescita e scoperta di sé costruita su una scrittura contemporanea, asciutta e tagliente, ispirata, tra gli altri, da Ken Loach, Gus Van Sant, David Lynch, Larry Clark, Joe Lansdale e Joyce Carol Oates. Il tessuto narrativo gioca con thriller, melodramma, commedia sentimentale e soap opera miscelando il rosa e il nero, l’amore e la morte, la libertà di essere se stessi e la paura di esporsi, rivelarsi, conoscersi in profondità. Tra il salone di bellezza di Anna, la cameretta di Giada, il bagno della discoteca Skiantos e il bosco, luogo del subconscio e dell’indicibile (il sesso e l’omicidio) che incombe oscuro e misterioso. Mentre i quattro protagonisti sono costretti, ognuno a suo modo, a “diventare grandi”, abbandonando paure e zavorre emotive, i pregiudizi dettati dall’ignoranza e le cattive abitudini che ne conseguono.


Ingresso: Platea € 12, Galleria € 10

Riduzione di € 2 sui biglietti interi per under 25, over 65 e youngERcard

Info e prenotazioni: CorTe tel 329/9461660 - 0541/658667 - corianoteatro@gmail.com

Prevendita on line: liveticket.it/teatrocortecoriano

Apertura biglietteria nel giorno di spettacolo: ore 17,30

corianoteatro.it FB #teatro Corte #coriano TW @teatrocorte

Filtro avanzato