logo culturemarketing
art&culture
aprile 26, 2017 - Macro

OTROS SONIDOS, OTROS PAISAJES: La prima mostra di arte sonora cilena in Europa

Dal 5 maggio all’11 giugno 2017, il MACRO – #museo d’Arte contemporanea Roma ospiterà la #mostra di sound art “Otros sonidos, otros paisajes”, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, prodotta dall’Ambasciata del Cile a #roma e daInterferenze New Arts Festival, e realizzata in collaborazione con Tsonami #arte Sonoro.

L’esposizione, che vedrà proposti per la prima volta in Italia i lavori di cinque sound artists cileni, è curata da Antonio Arévalo, critico e curatore, addetto culturale dell’Ambasciata del Cile in Italia, e da Leandro Pisano, curatore, teorico e ricercatore sonoro indipendente, fondatore di Interferenze New Arts Festival e del progetto di residenza artistica sonora e rurale Liminaria.

L’esplorazione sonora di paesaggi del Cile, dal deserto di Acatama fino alla regione della Patagonia: è questo il filo conduttore delle installazioni realizzate dagli artisti sonori con l’obiettivo di rileggere e ridare luce, attraverso la prospettiva dell’ascolto, a geografie e storie messe ai margini nel contesto globale. In #mostra ci saranno: Fernando Godoy, che ha catturato l’impronta acustica del deserto di Atacama come luogo di sospensione tra passato e futuro; Claudia González Godoy, che ha catturato il rumore del fiume Mapocho, il cui sgocciolio rappresenta il suono dello scorrere del tempo; Sebastian Jatz, il quale ha realizzato un’istallazione sonora costruita secondo i principi dell’arpa eolica; Rainer Krause, che indaga attraverso il suono della voce la connessione tra l’uomo e il territorio in cui vive; Alejandra Perez Nuñez, la cui opera interattiva rappresenta una cartografia sonora della penisola antartica.

Una riflessione sul ruolo sempre più rilevante della sound art all’interno del panorama dell’arte contemporanea ma anche del suono nelle scienze umane e sociali. Attraverso l’arte, il suono emerge come linguaggio e dispositivo autonomo in grado di mettere in discussione paradigmi costituiti, superando un inquadramento puramente musicologico. “Otros sonidos, otros paisajes” rappresenta non solo un momento significativo di incontro culturale, ma anche una stimolante opportunità per riflettere sull’importanza del suono come elemento di forte connessione con gli spazi che attraversiamo e che, grazie alla prospettiva espressa dai cinque artisti coinvolti, fa emergere narrazioni finora rimaste inascoltate.

Alle ore 17.30 di giovedì 4 maggio, giornata inaugurale, è previsto un talk con artisti e curatori sui temi della #mostra,in collaborazione con RAM Radio #arte Mobile e con IILA - Instituto Italo Latino Americano.

Ti potrebbe interessare anche

maggio 12, 2017
aprile 13, 2017
aprile 06, 2017