logo culturemarketing
art&culture
luglio 07, 2017 - Fondazione Musica Insieme

Varignana Music Festival – IV edizione

Sabato 8 luglio, ore 20, secondo appuntamento della IV edizione del Varignana Music Festival,la rassegna realizzata da Musica Insieme e Palazzo di Varignana Resort & SPA. Protagonista della serata, il pianista russo Alexei Volodin: apprezzato per la tecnica brillante e la sensibilità del tocco, è uno dei solisti più corteggiati dalle grandi orchestre internazionali, dalla London Symphony alla Sinfonica della RAI. Per il recital che segna il suo debutto al #varignanamusicfestival ha scelto due autori che occupano un posto speciale nel suo repertorio: Fryderyk Chopin e Robert Schumann. Del compositore polacco eseguirà due delle quattro celeberrime Ballate: la prima, giovanile e sognante, e l'ultima, più epica e al contempo innovativa. A Schumann e ai suoi amatissimi Studi Sinfonici è invece dedicata la seconda parte del #concerto.

Domenica 10 luglio, semprealle 20, il #varignanamusicfestival accoglierà per il suo terzo appuntamento il Gutman Trio, fondato dalla violoncellista Natalia Gutman, annoverata tra i massimi interpreti della storia del violoncello, insieme a due solisti d'eccezione: il violinista Sviatoslav Moroz e il pianista Dmitri Vinnik. Il loro programma si apre sulle note giovanili del Trio élégiaque n. 1 di Sergej Rachmaninov, un'opera estremamente virtuosistica, che cita ritmi e melodie di Čajkovskij, come ad affidare tutto il suo affetto e la sua stima a quello che il giovane compositore considerava un mentore. A violino e pianoforte invece è affidata la Sonata n. 3 in re minore op. 108 di Johannes Brahms, l'ultima composta per questi strumenti. A concludere la serata sarà il pensoso e mesto Trio n. 2 di Dmitrij Šostakovič.

Domenica 11 luglio alle 20 la quarta serata del #varignanamusicfestival sarà invece affidata al Quartetto di Cremona, fra i più apprezzati quartetti italiani, ospite di sale che vanno dal Bozar di Bruxelles al Metropolitan di New York. Il Quartetto proporrà uno dei capolavori assoluti di Ludwig van Beethoven: il Quartetto n. 15 in la minore op. 132, monumento del "terzo stile" del compositore. La seconda parte del #concerto, invece, vedrà il Quartetto insieme ad Alexei Volodin, pianista in residenza dell'Orchestra del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, e solista con le principali compagini, per interpretare l'unico Quintetto per pianoforte e archi di Johannes Brahms. Il compositore lo pensò inizialmente per soli archi, per aggiungervi infine il pianoforte. È un'opera ricca di tensioni e di pennellate luminosissime che ancora oggi affascina le platee di tutto il mondo.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa da scaricare

News correlate

luglio 04, 2017
luglio 03, 2017
giugno 30, 2017