logo culturemarketing
art&culture
maggio 31, 2016 - P.M.F

In occasione di Pitti Immagine Uomo 90, la mostra KARL LAGERFELD – Visions of Fashion

Lo sguardo fotografico di un grande Maestro nel progetto che celebra il ritorno della moda a Palazzo Pitti e apre il programma triennale di cultura della moda contemporanea.
In occasione di Pitti Immagine Uomo 90, il prossimo 14 giugno a #firenze sarà inaugurata a Palazzo Pitti #karllagerfeld – Visions of #fashion, una #mostra fotografica curata da Eric Pfrunder e Gerhard Steidl che ripercorre l’intera carriera fotografica di Lagerfeld e presenta molti scatti inediti.

KARL LAGERFELD – Visions of #fashion avvia ufficialmente una stagione di collaborazione strategica, che ha l’obiettivo - manifestato dal Ministero dei Beni Culturali - di aprire il patrimonio museale italiano alla moda e di trasformare la Galleria del Costume di Palazzo Pitti in #museo della Moda, di cui si sta facendo promotore la Direzione delle Gallerie.
La #mostra, che resterà aperta fino al 23 ottobre, è prodotta da Fondazione Pitti Immagine Discovery e Gallerie degli Uffizi, con il supporto di Centro di #firenze per la Moda Italiana e Pitti Immagine, e il contributo di Ministero per lo Sviluppo Economico e Agenzia ICE.

KARL LAGERFELD – Visions of #fashion è uno speciale progetto antologico che celebra la raffinata ed eclettica produzione fotografica di #karllagerfeld: scatti e servizi di moda pubblicati sui più importanti #fashion magazine internazionali – tra i quali le diverse edizioni internazionali di Vogue, Harper’s Bazaar,  Numéro e V Magazine - e foto ispirate alla mitologia classica, come le serie “Le Voyage d’Ulysse” e “Daphnis and Chloe”. Un insieme straordinario di circa 200 immagini realizzate con tecniche varie: dagherrotipia, platinotipia, Polaroid transfer, resinotipia, serigrafia e stampa digitale.

Nelle parole di #karllagerfeld: "La #fotografia oggi è parte integrante della mia vita. Per me è impossibile vedere la vita senza lo sguardo della #fotografia, il mondo e la moda attraverso l’obiettivo di una macchina fotografica. Mi permette di mantenere un distacco critico nel lavoro di tutti i giorni: mi aiuta più di quanto avessi mai potuto immaginare".

"Visions of Fashion" presenta una overview sulla rilevante produzione fotografica di #karllagerfeld legata alla moda, tra pubblicità ed editoriali, per le numerose griffe e pubblicazioni con cui collabora. Con un focus sulle fotografie dal 2009 a oggi, la selezione testimonia la visione in continua evoluzione di Lagerfeld: "La moda è ora e domani", dice. Da scoprire sono i riferimenti artistici che Lagerfeld interpreta e trasforma nella sua #fotografia: dai dipinti di Hammershøi, Bonnard, Hopper, Florine Stettheimer e Maxfield Parrish, ai film di Marcel Carné e Fritz Lang, fino alle marionette di Sophie Taeuber-Arp.
Si aggiungono inoltre le foto di ispirazione classico-mitologica:
“Le Voyage d'Ulysse" (2013) è l’ interpretazione fotografica contemporanea dell’Odissea di Omero, il poema epico che narra il viaggio di ritorno a Itaca dell'eroe greco Ulisse, dopo la caduta di Troia. Fotomontaggi narrativi che uniscono paesaggi e modelli in costume - tra cui Bianca Balti, Jake Davies e Baptiste Giabiconi - che interpretano i versi di Omero; "Daphnis and Cloe" (2013) è invece una rievocazione fotografica del romanzo pastorale scritto da Longo Sofista nel II sec. d.C., sull’amore dei giovani amanti Dafni e Cloe: unica opera conosciuta di questo scrittore, attraverso i secoli il romanzo è stato fonte di ispirazione per tanti autori – nell’opera e nel balletto (Offenbach, Ravel), nella pittura e nel scultura (Boucher, Cortot) – e lo stesso Lagerfeld l’ho ha reso indiscutibilmente suo.


Il percorso della #mostra - che partendo dallo Scalone del Moro si snoda attraverso le Sale della Galleria Palatina fino alla Sala Bianca e alle due Sale degli Appartamenti degli Arazzi - vede dialogare le dimensioni delle opere con gli spazi espositivi: più discrete quelle pensate per la Galleria Palatina, quasi a punteggiare l’itinerario dei visitatori lungo le stanze museali ricchissime di capolavori; più imponenti quelle negli Appartamenti degli Arazzi, come in un tacito rapportarsi con i preziosi arazzi esposti.

Per la Sala Bianca, dove nel 1951 è nata la moda italiana, i curatori hanno pensato a una serie di immagini di Alta Moda, stampate su carta preziosa e leggera, che calano fluttuando dal soffitto, a ricordare il movimento degli abiti delle indossatrici in passerella.


Karl Lagerfeld
Stilista, fotografo, editore, designer, oltre che regista, #karllagerfeld ha creato un universo in cui ogni linea è perfettamente definita, in cui ogni dettaglio ha un’importanza assoluta. La sua mente cartesiana ha dato vita a uno stile caustico, ultramoderno e molto preciso, con un fascino e un approccio che emergono dai simboli grafici diventati i suoi inequivocabili tratti distintivi. #karllagerfeld ha deciso di mettersi dietro l'obiettivo nel 1987, quando ha realizzato il suo primo servizio per Chanel, su richiesta di Eric Pfrunder, direttore immagine della griffe. Da allora ha sempre immortalato le campagne pubblicitarie di tutti i brand di cui è creatore. La sua passione per la #fotografia e per i libri ha trasformato le sue campagne in veri e propri art book (pubblicati da Steidl Verlag), e al tempo stesso ha continuato a fotografare per i più prestigiosi magazine internazionali.


KARL LAGERFELD – Visions of Fashion
PALAZZO PITTI
Scalone del Moro, Galleria Palatina, Sala Bianca, Appartamenti degli Arazzi
14 giugno - 23 ottobre 2016


Giornale della #mostra _ Steidl Verlag
Testi di Christiane Arp, Francesco Bonami, Natasha Fraser, Suzy Menkes, Olivier Saillard, Eike Schmidt, Silvia Venturini Fendi.


La #mostra #karllagerfeld – Visions of #fashion fa parte del “Programma Speciale Fiere Pitti Immagine 2016” promosso da Centro di #firenze per la Moda Italiana e realizzato grazie al contributo di MISE e Agenzia ICE nell’ambito del progetto a sostegno delle fiere italiane e del Made In Italy.