logo culturemarketing
art&culture
novembre 29, 2019 - laVerdi

laVerdi brinda al nuovo anno con la Nona: 29, 30, 31 dicembre, 1 gennaio

  • Domenica 29 dicembre 2019, ore 16.00
  • Lunedì 30 dicembre 2019, ore 20.00
  • Martedì 31 dicembre 2019, ore 20.00
  • Mercoledì 1 gennaio 2019, ore 16.00

Auditorium di #milano, largo Mahler 

  • Ludwig van Beethoven Sinfonia n. 9 in Re minore op. 125
  • Soprano Valentina Farcas
  • Contralto Christina Daletska
  • Basso Thomas Laske
  • Coro Sinfonico di #milano Giuseppe Verdi
  • Maestro del Coro Lionel Sow
  • Orchestra Sinfonica di #milano Giuseppe Verdi
  • Direttore Claus Peter Flor

Per il secondo anno consecutivo sarà il direttore musicale dell’Orchestra sinfonica di #milano Giuseppe Verdi, il Maestro Claus Peter Flor, a guidare la rivoluzionaria e misteriosa Sinfonia n.9 di Ludwig van Beethoven, capolavoro che ad ogni ascolto riesce a donare emozioni nuove e imprevedibili. Com’è ormai tradizione da oltre vent’anni, laVerdi brinda al nuovo anno con il suo pubblico e con #milano, intonando le note immortali del prodigioso Inno alla Gioia - esaltante finale della Nona Sinfonia di #beethoven.

I quattro appuntamenti all’Auditorium di largo Mahler sono ormai un evento esclusivo e un rito immancabile per la città di #milano, che continua la tradizione consolidata di eseguire il capolavoro di #beethoven in occasione della fine dell’anno come avviene anche a Berlino, Vienna e New York.

A fianco del Maestro di Claus Peter Flor che aveva diretto la prima edizione del capolavoro beethoveniano nel 1999, in occasione dell’inaugurazione dell’Auditorium di #milano e successivamente nella Stagione sinfonica 2017 de #laverdi, sarà per la prima volta il Maestro Lionel Sow a dirigere il Coro sinfonico di #milano Giuseppe Verdi, che nel capolavoro di #beethoven ha un ruolo di primo piano. Un debutto molto attesio quello del giovane direttore d'orchestra e violinista francese, che ha diretto molte formazioni corali e che attualmente è direttore del coro dell'Orchestre di Parigi. A completare uno scenario d’impatto inimitabile, con circa 200 persone in scena tra musicisti e orchestrali, anche quattro solisti di fama internazionale: il soprano Valentina Farcas, il contralto Christina Daletska e il basso Thomas Laske.

La Nona Sinfonia di Beethoven

È difficile, per l’ascoltatore dei nostri tempi, capire quanto traumatica possa essere stata per il pubblico contemporaneo a #beethoven l’introduzione di solisti e coro in una sinfonia, fino ad allora appannaggio della sola orchestra. Così come è difficile comprendere la complessità e la meraviglia dell’opera ed in particolare del suo quarto movimento, che si pone di fronte all’uditorio come summa del pensiero, musicale, ma soprattutto umano, del compositore. L’ultima sinfonia composta da #beethoven fu eseguita per la prima volta a Vienna il 7 maggio del 1824 a distanza di dieci anni dall’Ottava sinfonia, la cui tiepida accoglienza da parte dei critici gli aveva lasciato un po’ di amarezza. Il compositore, ormai completamente sordo, si era dedicato negli anni seguenti alla cameristica, e in particolare all’amato pianoforte, regalando al mondo una serie impressionante di capolavori.

Dedicata A Sua Maestà il Re di Prussia Federico Guglielmo III, la Nonaebbe subito un successo enorme ed è ancora oggi una delle opere più note ed eseguite di tutto il repertorio classico, considerata la più grandiosa composizione musicale mai scritta, il cui testo e spartito sono stati dichiarati dall’Unesco nel 2001 Memoria del Mondo.

Da subito il pubblico comprese appieno la portata del messaggio di #beethoven, di quell’uomo burbero e scontroso che senza arrendersi alle avversità della vita aveva tradotto in #musica alcuni princìpi dell’Illuminismo, comela rappresentazione di una tensione finalizzata al raggiungimento della felicità universale, condizione perseguibile nell’esaltazione della fratellanza e nel sincero convincimento della presenza di una Bontà Celeste, di un Essere Supremo che dal caos primordiale fonda un ordine morale a cui ogni uomo è chiamato a contribuire, esercitando virtù come la tolleranza, la giustizia, la fratellanza, la lotta contro i pregiudizi e il diritto di ciascun uomo ad essere felice e il messaggio. Attraverso l’uso del coro, inoltre, la partitura trasmette con maggiore energia un concetto filosofico, un “programma” che diviene evidente e definitivamente riconoscibile nell’Inno alla Gioia, il grande finale vocale basato sul testo dell'omonimo poema di Friedrich Schiller. Il tema, riadattato da Herbert von Karajan nel 1972, viene eseguito spesso durante le cerimonie dell’Unione Europea, anche se non è mai stato ufficializzato come Inno della

Da quel 7 maggio del 1824 la Nona, non smetterà più di circolare, di essere eseguita e di continuare a commuoverci, simboleggiando con forza il testamento spirituale e la forza morale di un uomo con pochi termini di paragone nell’intera storia della nostra cultura; un messagguio che a duecento anni di distanza arriva ancora forte e chiaro sulle note di una sinfonia che come poche sa toccare il cuore di chi l’ascolta. Impossibile del resto non farsi coinvolgere dalla note dell’Inno alla Gioia.


Ti potrebbe interessare anche

gennaio 30, 2017 - Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi


dicembre 22, 2016 - Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi