logo culturemarketing
art&culture
luglio 22, 2021 - Casalgrande Padana

Il passato ritorna nelle lastre in gres porcellanato di Casalgrande Padana

Come i cicli nella storia, anche mode e stili si ripetono; è il caso delle cementine o del pavimento alla veneziana che tornano a scrivere un pezzo di storia all’interno delle nostre abitazioni: piastrelle in gres porcellanato dal gusto retrò riproposte attraverso la reinterpretazione di materiali del passato, danno vita ad un’evoluzione dello stile contemporaneo e costituiscono la scelta ideale per chi desidera atmosfere dal sapore vintage o retrò.

Opus di #casalgrandepadana: le cementine dall’anima antica

Molto utilizzate durante la rivoluzione industriale, le ‘cementine’ devono il loro nome al materiale con cui erano fabbricate, il cemento di Portland, utilizzato da moltissimi artigiani dell’epoca nella preparazione del calcestruzzo; grazie alle loro qualità tecniche ed estetiche, divennero il pavimento simbolo dei primi anni del ‘900 soprattutto nelle grandi città.

Intrecci decorativi ed eleganti motivi geometrici si rincorrono in Opus di Casalgrande Padana: piastrelle in gres porcellanato caratterizzate da tenui effetti cromatici e tonalità neutre, versatili e moderne, si adattano alla perfezione sia per rivestire i pavimenti di ogni ambiente (dove possono anche rappresentare una brillante alternativa al tappeto) che le pareti o i piani di lavoro, creando così inedite decorazioni in continuità con il pavimento.

Pavimento alla veneziana: Macro e Terrazzo

Composto da frammenti marmorei, pietre e ciottoli, il pavimento alla veneziana (conosciuto anche con il nome di battuto, mosaico o graniglia) e risalente alla scuola romana del mosaico, rappresenta uno tra i più antichi pavimenti utilizzati in #architettura. È proprio grazie alla sua raffinatezza e versatilità in grado di donare prestigio ad ogni spazio, che si assiste oggi ad un suo ritorno.

Macro e Terrazzo sono le due collezioni in gres porcellanato di #casalgrandepadana che portano nella contemporaneità il tema della graniglia, dove ripetizioni casuali e superfici continue diventano elementi di decoro, trasformando gli ambienti in tappeti naturali.

Nove diverse texture con finitura naturale, lucida o lappata sono declinate in differenti formati (dal classico 30x60 cm, fino ai grandi formati 59x118 cm, 75,5x75,5 cm, 118x118 cm e 118x236 cm): frammenti di diversa dimensione e toni a contrasto compongono un puzzle dinamico e luminoso perfetto da collocare all’interno di spazi contemporanei ed eleganti.

Due collezioni che permettono di annullare il limite della lastra sviluppando un’immagine senza interruzioni: un unico pavimento che si rincorre in tutti gli ambienti, dove l’irregolarità e la casualità trovano ordine in un tappeto naturale esteso dal pavimento fino alle pareti.

Estremamente duttile dal punto di vista estetico, il gres porcellanato di Casalgrande Padana è un materiale adatto a rivestire tutti i tipi di pavimenti, pareti e piani di lavoro compresi top e tavoli e rappresenta un’ottima scelta anche in caso di riscaldamento a pavimento. Oltre alla classica posa su massetto con colla, #casalgrandepadana mette a disposizione un innovativo sistema di posa ad incastro a secco pensato soprattutto per gli interventi di ristrutturazione residenziale dove assicura numerosi benefici tra cui: la semplificazione delle operazioni di posa grazie alla possibilità di installare le lastre ceramiche sopra al pavimento preesistente eliminando così i costi di rimozione e smaltimento dello stesso, la limitazione degli interventi di modifica a serramenti, porte e infissi, la possibilità di rimuovere e sostituire agevolmente, in qualsiasi momento, la singola piastrella all’intera pavimentazione. Le lastre ceramiche di Casalgrande Padana, versatili e funzionali, composte esclusivamente da materie prime naturali, prive di plastica, siliconi o sostanze tossiche, anallergiche, antibatteriche, ignifughe e completamente riciclabili, si adattano ad ogni ambiente e contribuiscono, attraverso la memoria di un passato che ritorna, a valorizzare i segni del tempo e a ridefinire i luoghi del futuro.