logo culturemarketing
art&culture
ottobre 14, 2021 - GAMeC

Nulla è perduto

Dal 15 ottobre 2021 la GAMeC di #bergamo presenta Nulla è perduto. #arte e materia in trasformazione, a cura di Anna Daneri e Lorenzo Giusti, il secondo capitolo della Trilogia della Materia, un progetto espositivo pluriennale inaugurato nell’ottobre 2018 con la #mostra Black Hole. #arte e matericità tra Informe e Invisibile.

Il progetto coinvolge storici dell’arte, curatori, filosofi e scienziati per affrontare un discorso trasversale attorno al tema della materia, attivando contestualmente un dialogo con la storia delle scoperte scientifiche e con lo sviluppo delle teorie estetiche. Il programma prevede un ciclo di tre mostre, accompagnate da altrettante pubblicazioni, contraddistinte dalla presenza di autori e opere di generazioni diverse.

Dopo il primo appuntamento del ciclo, dedicato all’essenza della materia in dialogo con le teorie della fisica moderna, la seconda #mostra in programma rivolge lo sguardo al lavoro di artiste e artisti che, in momenti diversi, hanno indagato le trasformazioni della materia traendo ispirazione dalla vita degli elementi per sviluppare una riflessione sulla realtà delle cose, sul mutamento e sul tempo.

“Rien ne se perd (nulla si perde)” è l’incipit della celebre massima attribuita a Lavoisier con la quale il chimico francese spiegava il senso generale della sua legge della conservazione della massa, la quale affermava che, nel corso di una reazione chimica, la somma delle masse dei reagenti è uguale alla somma delle masse dei prodotti. La materia, in altre parole, non si crea e non si distrugge.

Da questo principio fondamentale sarebbero scaturite alcune idee chiave per la modernità, che avrebbero portato poi alla definizione della teoria della relatività, all’individuazione di una sostanziale equivalenza tra massa ed energia e quindi alla convinzione, raccontata da scienziati, artisti, filosofi, di una materia sempre viva, sempre presente, e di un mondo in continua trasformazione.

Nulla è perduto. #arte e materia in trasformazione occupa interamente gli spazi della GAMeC sviluppando un percorso di forte impatto sensoriale, data la natura materica e sinestetica delle numerose opere esposte, provenienti da importanti collezioni internazionali, sia pubbliche sia private. Le quattro sezioni della #mostraFuoco, Terra, Acqua e Aria – riferiscono agli elementi naturali, intesi come stati di aggregazione della materia, e ne sondano le relazioni e le trasformazioni: fuoco/stato ardente; terra/stato solido; acqua/stato liquido; aria/stato gassoso.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa da scaricare

News correlate

ottobre 11, 2021
giugno 03, 2021
giugno 03, 2021

Giunge all'undicesima edizione il Premio Lorenzo Bonaldi per l'Arte - EnterPrize, l'importante riconoscimento internazionale dedic...

Alla GAMeC di Bergamo la prima #mostra personale in un’istituzione italiana dell’artista lettone #daigagrantina. Apre al pubblico ...

A cura di Lorenzo Giusti Bergamo, Palazzo della RagioneLa GAMeC porta a Bergamo un progetto inedito del celebre artista brasiliano...

Ti potrebbe interessare anche

marzo 24, 2021
marzo 02, 2021
febbraio 18, 2021

Lunedì 29 marzo ore 18.30 su Facebook @archivioatelierpvdb e @nabaIntervengono: Anna Daneri, Membro Comitato dell'ArchivioBarbara ...

In attesa della quarta fase che la porterà a diventare una vera e propria #web #radio, #radio GAMeC trova casa su Clubhouse.Il pro...

giornata di studi online sul tema del diritto d'autore organizzata da #amaci con il sostegno della Direzione Generale Creatività C...